progetti

Conversazioni

le Voci di volta la carta

Come nel 2011, dopo aver elaborato il trauma del 2009, un gruppo di aquilani resistenti ha “Voltato la Carta” realizzando sogni, visioni e progetti, oggi inizia un nuovo ciclo di “Volta la Carta”: una ricostruzione della Cultura Resiliente “al tempo del Coronavirus”, ripartendo proprio dal coinvolgimento di quegli Autori visionari e di quelle Personalità diverse che sono diventate, nel tempo, Voltatori e Voltatrici.

Territorio

Atelier delle arti

L’esperienza degli Atelier delle Arti di Davide Rondoni incontra L’Aquila Volta la Carta nella splendida cornice di un convento francescano a Fontecchio (AQ). Un progetto pensato nell’autunno 2019 e gestito, in termini organizzativi e generativi di Cultura, durante i mesi incredibili del lockdown. Ci siamo quasi: stay tuned…

Memoria

Volta il pizzino

Cosa rimane dell’incontro con gli autori, se non (anche) una marea di foglietti volanti, di pizzini con una storia o di una dedica sulla copia dell’edizione presentata a L’Aquila Volta la Carta? Carte che ci hanno fatto compagnia ora che siamo sommersi dai tanti messaggi WhatsApp che scaldano il cuore a distanza. Ma per noi la carta non sarà mai secondaria, ma sempre portatrice di sogni, visioni, progetti che affondano le radici negli incontri in presenza, nelle assonanze, nelle affinità di anime e nell’amore comune per l’Arte della Letteratura. Abbiamo raccolto e documentato, quindi, lo spirito che anima L’Aquila Volta la Carta, sia nelle sue edizioni della Fiera, sia nelle innumerevoli iniziative di intermezzo. Se volete mandateci la vostra dedica a cui siete affezionati, o un disegno che è stato fatto per voi. Lo custodiremo qui.